Come cucinare il pesce lesso

Il pesce lesso è un piatto non solo molto leggero, povero di calorie e sano, ma anche gustoso e caratterizzato da un sapore delicato.

Per bollirlo alla perfezione non è però così semplice come sembra, in quanto si possono commettere diversi errori, tra cui carne molliccia, insipida e stopposa.

Ma quali sono i trucchetti per ottenere dei risultati di successo? Scopriamolo insieme!

Quali pesci sono ideali per la bollitura?

Trota, anguilla, spigola, branzino, nasello, luccio, muggine, storione, salmone, pesce spada, trota, sogliola, tinca, razza, pesce persico, ombrina, rombo, dentice, cernia, gallinella, coregone, sgombro, passera, carpa, orata.

Quali sono le regole per lessare il pesce

La pesciera

Si tratta di una pentola larga, con due manici e provvista di due fondi, uno dei quali bucherellato e removibile.

Quest’ultimo permette di adagiare il pesce, immergerlo in acqua bollente e scolarlo senza correre il rischio che si sfaldi.

Se non avete a disposizione la pesciera, andrà benissimo un tegame che possa contenere l’alimento in tutta la sua lunghezza dopo essere stato avvolto in un canovaccio sottile.

Quali sono gli aromi adatti al pesce lesso

L’acqua di cottura del pesce lesso può essere insaporita con alloro, cipolla, carota, sedano, chiodi di garofano, qualche gambo di prezzemolo, sale, aceto, vino bianco/rosso secco e fette di limone.

Se volete cuocere del pesce di mare, l’acqua deve essere fredda al momento dell’immersione; per questo motivo è bene far bollire in anticipo l’acqua per mezz’ora per poi farla raffreddare prima dell’utilizzo.

In caso di pesce d’acqua dolce, farlo cuocere in acqua acidulata con aceto oppure succo di limone e un po’ più di sale rispetto a quello di mare.

Ebollizione e tempi di cottura del pesce lesso

L’ebollizione deve essere a fuoco bassissimo, in modo che la pelle del pesce non si rompa.

Le tempistiche variano in base al peso e alla tipologia di pesce: se quest’ultimo pesa 1 kg, saranno necessari venti minuti di cottura circa, per 2 kg 25 minuti e mezz’ora per 3 kg.

Prima di servire il pesce, fatelo raffreddare nel suo liquido di cottura, in modo che la polpa possa assorbire al meglio gli odori.

Se desiderate invece servire il pesce ancora caldo, rimuovetelo delicatamente dal tegame, trasferitelo su un piatto di portata e spennellatelo leggermente con burro oppure olio: questo stratagemma farà sì che la pelle preservi la sua morbidezza.

Non buttate via l’acqua di cottura, in quanto può essere utilizzata per preparare un ottimo risotto oppure una gustosa zuppa.

Come servire il pesce lesso

Il pesce lesso può essere servito con delle patate e una salsa; quest’ultima può essere come preferite, ossia americana, alle erbe, verde, allo zafferano e via discorrendo.

Può inoltre essere decorato con ciuffi di maionese, uova sode tagliate a fettine, insalata, capperi e limone.

Realizzare il fumetto con gli scarti di pesce

Dato che del pesce non si getta via nulla, con i suoi scarti è possibile realizzare un delizioso fumetto, il quale può essere distribuito nei forma cubetti da ghiaccio da utilizzare come insaporitore per numerosi piatti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedin