Matrimonio e catering: come muoversi a Roma

Il catering è un servizio sempre più richiesto anche in eventi come il matrimonio, perfino in città importanti come Roma. Vivere nell’urbe, infatti, offre tanti stimoli, ma non sempre questo agevola la vita: avere tante possibilità di scelta può diventare fonte d’indecisione.

Pertanto occorre avere le idee molto chiare su come muoversi e, soprattutto, farlo con largo anticipo, per non perdere le migliori opportunità che il mercato offre in questo settore.

Matrimonio a Roma: in cosa consiste il catering?

Niente s’improvvisa durante l’organizzazione del proprio matrimonio, come del resto vale per ogni evento importante. Occorre dedicare attenzione a ogni dettaglio, in particolar modo alla scelta del luogo della cerimonia, al periodo dell’anno e alla fascia oraria delle celebrazioni, al numero degli invitati, all’auto che accompagnerà gli sposi, alle partecipazioni, alle bomboniere e, ovviamente, al pranzo o alla cena.

In merito a quest’ultimo punto, sempre più persone di Roma scelgono il servizio di catering, vale a dire la somministrazione delle pietanze all’interno di un evento. Per raggiungere l’eccellenza in tale frangente, è indispensabile l’integrazione del banqueting, ossia la preparazione vera e propria del cibo.

Questa deve mirare alla qualità degli ingredienti, all’impeccabilità delle cotture, alla corretta temperatura di servizio e all’estetica del piatto. Al fine di ottimizzare tutti i passaggi ed evitare brutte sorprese dovute a problemi di comunicazione, è bene scegliere un team diretto da uno chef executive che sappia occuparsi magistralmente di entrambe le mansioni.

In occasioni come questa, nelle quali tutto deve essere perfetto, assicurarsi che le informazioni relative al servizio siano corrette e coerenti non è una possibilità, ma un imperativo.

Variabili da considerare per il catering durante un matrimonio

Non esiste un unico modo per rendere operativo questo servizio e soddisfare le esigenze di tutti. Tra le opzioni disponibili in ambito di catering, vanno ricordati il buffet con aperitivi e cocktail, il tradizionale rinfresco e, ovviamente, la possibilità di servire ai tavoli, modalità preferenziale nelle location di lusso.

Tutte queste sono ottime soluzioni per risparmiare tempo e fatica, in quanto dei veri professionisti dell’arte culinaria si fanno carico dell’incombenza. L’importante è dare loro delle istruzioni precise, alle quali gli sposi devono provvedere.

Occorre segnalare, infatti, non solo la presenza di bambini, ai quali verrà dedicato un menu specifico, ma anche quella di persone allergiche o intolleranti a determinati cibi.

In quest’ultimo caso si potranno diversificare le pietanze oppure omologarle, in modo che gli ospiti possano gustare tutto senza rischi per la propria salute. Si presterà molta attenzione a questo aspetto fin dalla fase di recapito delle partecipazioni.

Quanto alle bevande, la scelta dovrà essere ampia: si darà la preferenza al servizio “open bar”, con ragionevoli limiti sul consumo di alcoolici. È frequente, purtroppo, rovinare i ricevimenti a causa di qualcuno che alza troppo il gomito e diventa, in questo modo, ingestibile, trasformando una giornata gioiosa in un autentico disastro da dimenticare.

Naturalmente, è fondamentale dedicarsi anche al corredo con il quale verrà effettuato il servizio. Oltre alle vivande in sé, bisogna soffermarsi sull’estetica della posateria, dei piatti, dei bicchieri, dei contenitori, delle tovaglie, delle tende e di tutto l’ambiente che accoglierà gli invitati.

Ciò non consiste soltanto nel disporre di una strumentazione ben tenuta, ma anche, per ovvie questioni igienico-sanitarie, pulita. Stoviglie rovinate, opache o incrostate di calcare, tessuti macchiati o impolverati, così come ogni minimo segno di sporcizia, devono sparire.

Riguardo ai prezzi, la media per Roma oscilla tra gli 80€ e i 120€ per invitato: trattandosi di una cifra consistente, è indispensabile testare la qualità del servizio e sapere in anticipo quali siano tutte le condizioni comprese nel pacchetto.

Matrimonio e catering a Roma: l’importanza delle buone referenze

Un tempo, il passaparola tra persone fidate era l’unico modo per non subire imbrogli, ma, fortunatamente, oggi non esiste soltanto questa possibilità di feedback.

La rete offre tantissimi flussi informativi, primi tra tutti i siti web degli organizzatori di eventi e, ovviamente, un’infinità di recensioni, anche per quanto riguarda il servizio di catering durante i matrimoni.

La linea migliore da seguire nelle proprie valutazioni è passare al vaglio le notizie reperite tramite tutti i canali di comunicazione, dalle referenze riportate dagli amici alle opinioni di sconosciuti ed esprimere, alla fine, un giudizio globale.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *