Come ci si difende da un’intossicazione da cozze?

Diversi molluschi (http://www.goropesca.it/vendita-molluschi-freschi.php)di mare, come le cozze ad esempio, contengono biotossine che possono procurare spiacevoli disturbi al proprio organismo, in particolar modo al nostro apparato digerente.

Il rischio di ingerire frutti di mare contaminati da queste sostanze tossiche è sempre dietro l’angolo. Come possiamo difenderci da un’intossicazione da cozze quindi?

1 – Riconoscerne i sintomi

Se avvertite un sapore nauseante in bocca, a metà tra il ferroso e l’alcolico, potreste aver ingerito delle cozze non perfettamente depurate. Se a questo si aggiungono crampi allo stomaco, dissenteria, febbre accompagnata da brividi di freddo, l’ipotesi diventa sempre più concreta.

 

2 – Intervenire con prudenza

Indurre il vomito è il metodo più veloce per liberarsi da questo malessere, ma ovviamente non è il più salutare. Coriandolo, menta e zenzero, anche sotto forma di the o infuso, sono piante consigliate per attenuare il senso di nausea. Anche se non avete appetito, per “tamponare” e assorbire il contenuto del vostro stomaco, potete tranquillamente mangiare pane, patate e riso in bianco (non un menù stellato, lo sappiamo). Per eliminare le tossine, invece, una buona idea potrebbe clash royale hack 2017 essere quella di ingerire carbone vegetale.

 

3 – Recarsi da un medico

Chiamare un medico non è mai una brutta idea in questi casi, anzi. Se poi i sintomi dovessero peggiorare e dovesse comparire del sangue nel vomito o nelle feci, suggeriamo di chiamare immediatamente il 118, specificando chiaramente che si è colpiti da un’intossicazione da cozze.

 

4 – Consumare prodotti certificati

Prodotti di questo genere, da consumare in brevissimo tempo e che spesso sono costretti a percorrere centinaia di chilometri prima di arrivare sulle nostre tavole, necessitano di massima attenzione nel trasporto e dei più elevati standard qualitativi nel trattamento.

Assicuratevi, quindi, che il fornitore sia di qualità, come Goro Pesca, azienda leader nel settore della distribuzione dei prodotti ittici da più di trent’anni, che proprio all’inizio del 2015 si è resa protagonista di un rinnovamento monitorare il processo di depurazione e migliorarlo.

Perché come si suol dire, prevenire è meglio che curare.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin